The Ghost Pub, in piazzale Maciachini, è il più inglese dei pub di Milano, in tutto e per tutto. Nel 1997 Massimo e Cristian, amici uniti dalla passione per i viaggi, per il mondo anglosassone e per la birra, hanno infatti un’idea…
Hanno lavorato in passato in diversi locali tra Milano, New York e soprattutto Londra. E ora vogliono realizzare un sogno: mettersi in proprio con un locale, ma non un pub qualsiasi. Vogliono portare l’anima inglese a Milano, quindi contattano un’azienda specializzata di Manchester, la Indecor (che ha realizzato più di 2000 pub in patria), chiedendo di elaborare un progetto. In soli sei mesi, ecco nascere un original English pub in stile vittoriano, dai colori alle pareti agli arredi e alla moquette per terra. Viene realizzato proprio dalla ditta inglese, in trasferta in Italia per l’occasione.

Massimo e Cristian hanno in comune anche qualcosa di potente: la musica. E decidono di dedicare il nuovo locale ai cantanti. Quali? Tutti quelli che hanno lasciato questa valle di lacrime troppo presto, e reso le nostre orecchie orfane. Ed ecco che alle pareti, ma non solo, appaiono proprio tutti: da Janis Joplin a Kurt Cobain, da Roy Orbison a Jim Morrison a Bob Marley
Il tema prevalente anche per il bere è naturalmente anglosassone, con birre inglesi, irlandesi e scozzesi, senza trascurare le “celtiche” lombarde: da sempre infatti l’obiettivo è soddisfare le esigenze di qualsiasi palato, ed è infatti possibile assaggiare anche birre artigianali dei migliori stabilimenti italiani, oltre a prodotti di importazione provenienti da tutto il mondo.

Un occhio di riguardo lo merita il mangiare: oltre ai tradizionali panini e piadine, tutti ispirati dal mondo della musica, non mancano lussuosi taglieri di salumi, di formaggio, ma anche di salmone e spada oppure i classici hamburger.